E’ stato pubblicato il 16 giugno scorso in Gazzetta Ufficiale il provvedimento del Garante Privacy che disciplina il trattamento dei dati personali di chi, attraverso smarphone e tablet, si avvale dei servizi di mobile remote payment.  Le regole dovranno essere obbligatoriamente adottate da tutti i soggetti attivi nella fornitura di questo servizio: dalle compagnie telefoniche agli esercenti commerciali, alle società che forniscono l’interfaccia tecnologica.

I dati personali acquisiti per la transazione non potranno essere usati per altre finalità senza il consenso degli utenti e dovranno essere protetti dai rischio di uso fraudolento.

Tutti gli utenti dovranno essere informati sulle modalità di trattamento dei loro dati e saranno chiamati a esprimere il consenso per l’eventuale utilizzo dei dati a fini di marketing o per la comunicazione a soggetti terzi. I dati acquisiti dai vari soggetti coinvolti potranno essere conservati per massimo 6 mesi, fatta eccezione per l’indirizzo Ip, che dovrà essere cancellato dal venditore terminata la transazione. Per garantire più riservatezza degli acquisti effettuati, il venditore potrà trasmettere agli operatori telefonici solo la categorie merceologica dei prodotti o servizi acquistati. Dunque, non potranno essere fornite indicazione sullo specifico contenuto del prodotto.

Il nuovo sistema di regole a tutela della privacy, infine, rafforza anche la sicurezza dei dati trattati, obbligando gli operatori ad adottare le misure necessarie per garantire la confidenzialità dei dati acquisiti.