L’ultimo outlook dell’ABI evidenzia alcuni fattori positivi. Le nuove erogazioni alle imprese nel quarto trimestre del 2014 hanno segnato un incremento su base annua del 12,1%; inoltre, i mutui per l’acquisto di immobili nell’intero 2014 hanno fatto registrare un incremento annuo del 32,5%. Analogamente, nell’intero 2014 il flusso di nuove operazioni di credito al consumo è stato pari al 9,2%. Questo non significa, però, che si sia finalmente fuori dalla tendenza negativa: anche se in attenuazione, nel mese di gennaio 2015 il totale dei finanziamenti a famiglie e imprese ha comunque mostrato una decrescita; la variazione tendenziale annua è infatti pari a -1,8%, lo stesso valore del mese precedente e certamente migliore rispetto al -4,5% di novembre 2013, quando era stato raggiunto il picco negativo. ABI precisa comunque che quello di gennaio 2015 per l’insieme dei prestiti a famiglie e imprese è il migliore risultato da agosto 2012. Se invece si considera la sola dinamica dei prestiti alle imprese, l’ultimo dato disponibile, relativo a dicembre 2014, è pari a meno 2,3%.